contatti

Rossella Cardinale

Via Anfossi 19

20129 Milano

​​

info@allenaipensieri.it

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Google+ Icon

© 2018 by Synthesis. Proudly created with Wix.com

Cerca
  • Rossella Cardinale

Chi è il counselor?

Aggiornato il: 12 feb 2018

Molto spesso ci viene chiesto chi è il counselor e cosa fa esattamente.

Il counselor è soprattutto un allenatore di pensieri, un catalizzatore di potenzialità, un contenitore di emozioni.




Il counselor ti insegna a tenere a bada le credenze limitanti (non ce la farò mai) e a trasformarle in idee potenzianti (cosa posso fare per superare questa difficoltà).

Ti aiuta ad affrontare un problema alla volta e a non lasciarti travolgere da pensieri catastrofici (non sono capace di fare niente), per fare pace con gli inevitabili fallimenti, poco vicini alla nostra cultura e reale banco di prova delle tue possibilità di crescita.


Il counselor può lavorare anche sul corpo e sulle sensazioni per lasciare che le tensioni si rilassino e la consapevolezza sia libera di concentrarsi nella realizzazione dei tuoi desideri.

Per esempio attraverso alcune pratiche di respirazione (pranayama) è possibile mettere in contatto emisfero destro e sinistro del cervello e consentire una sana contaminazione di creatività e razionalità.

Oppure, attraverso la pratica di alcune semplici asana, l’hatha yoga può insegnare - con un consapevole rilascio della muscolatura che facilita l’allungamento - a non trattenere, a non proiettare sulla postura il desiderio di realizzazione, ma a lasciare che prenda corpo attraverso un agire senza sforzo, un naturale accomodamento a quello che succede.

E’ quel che nel linguaggio comune si intende per “stare con quello che c’è” o “stare nel qui e ora”.

Stare in una posizione scomoda attiva una competenza di accettazione e insegna a convivere anche con il sopravvenire dell’emozione scomoda, laddove la scomodità magicamente svanisce nel momento in cui il corpo si adatta morbidamente, la mente si placa e il respiro diventa calmo e regolare.


Il counselor è un catalizzatore di intuizione e immaginazione per attivare nuove visioni

Quando ti senti creativo quali sono le sensazioni che arrivano al corpo?

Puoi percepire leggerezza, energia e entusiasmo, la concezione del tempo cambia, non hai né fame né sete e il sentimento prevalente è quello di un’euforia generalizzata.

Ma la creatività spesso abita un dissidio tra sacro e profano, tra improvvisazione e regolazione.

Prima di procedere nel processo creativo devi soffermarti in una sacca d’ansia da cui origina il balzo intuitivo.

Il punto di equilibrio creativo è una pozione magica fatta del giusto contemperamento di concentrazione, rilassatezza del corpo e della mente (che non deve essere ingombra di pensieri che la distraggano) e apertura verso ciò che arriva.

La creatività è un processo che si nutre di connessioni e si può articolare in 4 passi:

1. Focalizzare il problema;

2. Analizzarne le cause;

3. Trovare soluzioni (siate affamati, siate folli, diceva Steve Jobs);

4. Agire un piano.


Il counsellor è anche un contenitore di emozioni.

Ti aiuta a disinnescare la paura e gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione dei tuoi progetti. Non lavora sui progetti, ma sulla visione di sé di fronte al progetto.

Il counselor è un ammaestratore di impulsi, facilita il prendere corpo dei desideri arginando lo stra-potere della mente che - attraverso un giudice implacabile - distrugge qualsiasi tentativo di evasione .

La paura è una fedele compagna di ogni viaggio.Posso invitarla a venire con me, ma non lasciare che si sieda alla guida.

Non devo ucciderla, perché mi sta comunicando qualcosa di importante.

Ma il counselor (soprattutto quello di impostazione psicosintetica) ha uno strumento in più che gli consente di lavorare sulla volontà, come mezzo per trasformare il proposito in progetto attraverso l’attivazione di una volontà rivolta al bene tuo e degli altri, saggia (cioè che guarda oltre) e forte (ovvero senza tentennamenti, ben salda sulle proprie gambe).

La volontà di cui parlo è una volontà senza sforzo, fatta per tenere insieme tutto e agire il cambiamento che già sei, perché sarai TU e solo TU la leva che muoverà il tuo sistema.


Foto gentilmente messa a disposizione da Adriana Baldi


#counseloroggi #talento #potenzialità #emozioni #creatività #corpomente #bodymind #yoga #allenaipensieri

35 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now